//MOTIVAZIONE: lo specchio nascosto nel nostro agire

MOTIVAZIONE: lo specchio nascosto nel nostro agire

Quante volte ci siamo guardati allo specchio?

Guardarsi dentro, una camera con vista dedicata al nostro carattere, alle nostre emozioni che ogni volta ci sembrano nuove, artefatte, piene di energia o inadeguate.

Eh già, troppe volte studiandoci interiormente ci siamo sentiti sviliti e soggiogati alla vita di tutti i giorni.  Quando la fiamma del nostro agire si fa tenue è come se ci arrampicassimo su una parete verticale di ghiaccio, vogliamo salire con l’entusiasmo di un bambino, ma cadiamo, scivolando nel dubbio amletico di non farcela.

Cosa fare quando lo specchio ci ritorna questa immagine sbiadita?

Bisogna anzitutto trovare la voglia ed il CORAGGIO di cambiare visuale. Fateci caso: ogni azione che facciamo cambia a seconda di come ci poniamo nei suoi confronti.
È come praticare uno sport, amatoriale o professionistico che sia: alla base di tutto c’è bisogno di far risaltare il nostro ANIMUS COMPETITIVO e la perseveranza di accettare una sfida.

A volte gli obiettivi nascono dal nulla, ma grazie all’innata verve di mettersi in gioco, possono diventare realtà. La motivazione: dare un motivo all’azione può diventare il nostro spirito guida, il nostro jolly da giocare quando l’agire si perde tra le difficoltà di un contagioso e spesso senza ritorno “non ce la faccio”.

La motivazione è definita come un processo che avvia, guida e mantiene comportamenti mirati. Ciò che ti induce ad agire è motivazione: bere un bicchiere d’acqua per ridurre la sete, leggere un libro per acquisire conoscenza.

Nella motivazione il raggiungimento di un obiettivo richiede la capacità di persistere attraverso gli ostacoli e avere la resistenza di andare avanti nonostante le difficoltà.
ALLENIAMOCI A CAMBIARCI, MOTIVIAMOCI A SFIDARCI. 

E quando riusciamo nell’impresa di catturare l’obiettivo, tutto diventa leggero come le nuvole che guardiamo dall’oblò dell’aereo. Persino svegliarsi all’alba per nuotare, come testimonia la foto della squadra di Triathlon che alleno il mattino presto.

Non si può affrontare un lungo viaggio finché non si decide di PARTIRE. Partire, iniziare se stessi verso un cammino che ci motivi ad un’azione sfidante.
Che aspettate a dare un senso al vostro riflesso vincente quotidiano?
Diamo un credo alla nostra immagine, consapevoli che siamo ciò che SOGNIAMO.

Diamo un sogno alla nostra realtà.
Diamo un senso alla nostra unicità…
OSIAMO.

 

2018-11-20T14:05:35+00:00 novembre 20th, 2018|Vita da allenatore|0 Comments

Leave A Comment